CALLIGRAFIA

” Scrivi male! Hai una brutta calligrafia!”


E’ vero che non ho una bella calligrafia, sinuosa ed elegante!
Ho una calligrafia aspra, nervosa e appuntita!
Ma avere una brutta calligrafia non significa scrivere male e avere una bella calligrafia non significa scrivere bene.
La macchina da scrivere, negli anni 90′, troneggia dappertutto ed è presente anche in casa mia, nera e bombata con i lati rossi.
Il rumore dei suoi tasti bianchi sono il suono delle parole che si fissano sulle veline e io inizio a scrivere, bambina, fissando le mie storie con parole calligraficamente perfette.
La qualità di un racconto o di una poesia scaturiscono dall’intensità delle parole che nascono nella mente dello scrittore e che si concretizzano grazie a dispositivi magici che trasformano brutte calligrafie in autori di successo.

Fabiana Morello

[jetpack_subscription_form show_subscribers_total=”true” button_on_newline=”false” submit_button_text=”Iscriviti come FOLLOWER per ricevere notifiche
quando viene pubblicato un nuovo Articolo” custom_font_size=”16px” custom_border_radius=”0″ custom_border_weight=”1″ custom_padding=”15″ custom_spacing=”10″ submit_button_classes=”” email_field_classes=”” show_only_email_and_button=”true”]

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *